Luca Manfredo The Darken Novels Luca Manfredo The Darken Novels Luca Manfredo The Darken Novels
Luca Manfredo scrittore

Viaggiare nel tempo è impossibile

Una spiegazione semplificata sul tema scientifico


viaggio tempo velocita luca impossibile

 

Chi non ha mai sognato la possibilità di viaggiare nel tempo? 


Se davvero potessi tornare indietro anche di un solo giorno, che cosa faresti? Molti sfrutterebbero l’occasione per rimediare a un errore, o per diventare ricchi, come in Ritorno al futuro con l’almanacco sportivo.


La scienza, però, smentisce la possibilità di viaggi nel tempo.


Le discussioni in materia sono state tantissime, così come gli esperimenti effettuati. Uno di questi prevedeva di accelerare un muone, una particella subatomica, alla velocità della luce. Si è notato che la vita del muone si allungava al crescere della velocità, dilatandosi molto in prossimità di quella della luce. E si precisa molto bene il “quasi”. 


Sì, perché nulla dotato di massa può andare più veloce della luce.


Facciamo chiarezza su due principi opportunamente semplificati.


Per accelerare una massa serve energia.

La velocità è proporzionale all’aumento di massa.


Vediamo degli esempi per capire meglio tutto ciò che verrà dopo.

Per accelerare una massa serve per forza energia. Un veicolo ha bisogno di una spinta per spostarsi, anche solo per andare da 0 a 1 km/h. Va da sé che per incrementare la velocità serve per forza più energia.


Il secondo esempio che voglio farvi, per spiegare la correlazione tra massa e velocità, è legato all’accelerazione di una potente auto. Al momento in cui poggiate la schiena sul sedile, ad auto spenta, si esercita una determinata pressione. Quando spingiamo a fondo sull’acceleratore e l’auto scatta energicamente in avanti, il brusco incremento di velocità ci schiaccia contro il sedile. In quell’istante, la pressione esercitata sullo schienale si incrementa, aumentando così il peso della nostra schiena su quella superficie. Con un incremento continuo, la pressione aumenterebbe sempre di più, premendoci con crescente forza contro il sedile.


Tenendo conto di questi due principi, per spingere un corpo alla velocità della luce servirebbe un’incredibile quantità di energia. All’aumentare, la massa del corpo crescerebbe sempre di più. Un corpo umano sarebbe sottoposto a una pressione tale per cui si accartoccerebbe come un bicchiere di plastica nel fuoco, annientato dalla sua stessa massa.


Il discorso si applica anche all’esperimento del muone. Anche se questo è una particella subatomica, possiede una massa, perciò è soggetto alla stessa sorte e alle stesse leggi.

Questo non sarebbe applicabile a oggetti dotati di massa negativa o nulla. Ma se questi esistessero, non possedendo massa, non sarebbero rilevabili in alcun modo.


Si può almeno raggiungere la velocità della luce?


Un altro ambito obiettivo è quello di poter realizzare dei viaggi a velocità luce per raggiungere altri pianeti.

Che cosa c’entra questo con il viaggio nel tempo? Fidatevi, esiste una stretta correlazione, e la vedremo continuando a leggere.


Al di là del fatto che non esiste un motore in grado di spingere una navicella alla velocità della luce, il raggiungimento sarebbe comunque impossibile per via dell’aumento di massa. A un certo punto, la velocità di un corpo non può più aumentare, poiché questa si trasforma in massa. Fornendo sempre più energia, la velocità non cambierebbe, poiché questa si tradurrebbe in un aumento di peso del corpo e dalla sua inamovibilità. Sarebbe come se una persona acquisisse sempre più forza per spostare un peso, e che quest’ultimo, con un andamento proporzionale all’incremento della forza dell’uomo, accresca la propria massa. Si giunge così a uno stallo.

Da qui, l’impossibilità di viaggiare nel tempo.


Per fermare il tempo bisognerebbe innanzitutto eguagliare la velocità della luce, limite già impossibile da raggiungere. Per riavvolgere il tempo, bisognerebbe spingere un corpo oltre i 299.792,458 km/s. Questo sarebbe possibile soltanto con una massa negativa. E per definizione, un corpo è dotato di massa, quindi di peso.

La natura è molto rigida su questo limite, un confine inviolabile che non si potrà mai superare, né oggi né mai.


E tutti quelli che sognavano di viaggiare nel tempo, rimarranno delusi. Nessuna Delorean potrà portarci indietro nel tempo. Chissà, magari un giorno si potrà andare avanti nel tempo, accelerare il futuro. Ma tornare sui propri passi resterà per sempre impossibile, un’esperienza che potremo vivere soltanto nei film di fantascienza o nella realtà virtuale.


Se l’articolo ti è piaciuto, metti un like alla pagina facebook Luca Manfredo (link in basso), così da restare sempre aggiornato sui prossimi articoli e mostrare il tuo apprezzamento per il mio lavoro. A presto!

 

Metti "Mi Piace" alla pagina facebook.
Oppure condividi questa pagina, se i contenuti ti sono piaciuti