Luca Manfredo The Darken Novels Luca Manfredo The Darken Novels Luca Manfredo The Darken Novels
Luca Manfredo scrittore

Spirito natalizio oppure no

Gioiosa festa o rottura di palle


 


Innanzitutto, buon Natale a tutti voi che state guardando questo video. E anche a tutti gli altri che lo ignorano deliberatamente.


Le feste sono davvero cominciate. Abbiamo già tirato fuori l’albero, smanettato con festoni e lucine colorate, e impacchettato i regali.


Sembra che tutto sia pronto per una delle festività maggiormente sentite: il Natale, il giorno del pranzo in famiglia, che sia a casa o al ristorante… oppure al lavoro.


Sorvoliamo su tutte quelle persone che correranno avanti e indietro con vassoi e piatti in mano, e concentriamoci sullo spirito natalizio. E anche su tutto il discorso di quanto sia una festa commerciale, un motivo in più per farci aprire il portafogli e cacciare un po’ di grano.


Le festività natalizie, come ogni anno, tendono a creare due fazioni contrapposte, come i Montecchi e Capuleti: quelli amanti del clima festivo, e quelli per cui non è altro che una colossale rottura di coglioni.


Personalmente, io ho sempre un po’ storto il naso a trascorrere il Natale a tavola, con la famiglia. Ho sempre preferito vedere il giorno di Natale come un’occasione per defilarmi da questo pantano e guadagnare più soldi dall’altra. Insomma, due fave con un piccione. No, due piccioni con una fava.


Legumi a parte, quando ti bruci tante volte il Natale, lo spirito da Grintch tende ad affievolirsi, finché non ti ritrovi a pensare a quand’eri bambino, giorni in cui non aspettavi altro che la mattina del 25 dicembre per correre in salotto e vedere cosa ci fosse sotto l’albero. Ti ricordi della neve fuori, tutta soffice e candida, pronta a essere compattata in un pupazzo di neve. Ti ritorna in mente la tavolata fotonica a casa, in cui la nonna cucina per un plotone e ti tocca poi mangiare avanzi per due settimane. Ma, più di ogni altra cosa, ti ricordi con calore del clima di festa.


E dopo tanto tempo, non torna a montare il desiderio di rivivere quella sensazione e tutto ciò che le feste porta con sé… a parte “Una poltrona per due”?


Dopo anni passati al lavoro, in cui le feste rappresentavano solo una rottura di coglioni e voglia di calciare gente fuori dal ristorante, quest’anno mi sono ritrovato a desiderare ancora una volta il Natale.


E voi, a quale schieramento appartenete: Bianco Natale oppure Verde Grintch?


Sulla scia di questa conclusione, vi auguro davvero Buon Natale.

Oddio, l’ho detto davvero…

 

Metti "Mi Piace" alla pagina facebook.
Oppure condividi questa pagina, se i contenuti ti sono piaciuti